Biografia

Biografia di
Pietro Dallapina.

Pietro Dallapina, esperto di arte fotografica, da sempre interessato alle vicende storiche, ha raccolto e catalogato con impegno e spirito critico affinché non andassero disperse, numerose immagini di storia locale, testimonianze di un paese in continua evoluzione.
Dalle prime foto scattate all’inizio del secolo a quelle più recenti. La passione per la fotografia è iniziata per Pietro Dallapina durante la guerra, quand’era in aviazione a Villafranca di Verona. Era di leva assegnato all’ ufficio personale. Nel campo c’era però un laboratorio fotografico attrezzato che serviva alle squadriglie di osservazione aerea. Le macchine fotografiche erano posizionate nella carlinga dell’aereo ed avevano un sistema particolare con buoni obiettivi, che consentiva di effettuare fotogrammi in sequenza: uno vicino all’altro e così riuscivano a dare l’immagine di una zona. Si usavano anche per cartografie. Li ha imparato lo sviluppo a fianco di persone molto in gamba. Dopo l’ 8 settembre Pietro Dallapina, è stato catturato. E’ riuscito a fuggire ed è andato tra i partigiani, nel 31′ Garibaldi Copelli distaccamento Bigi a Serravalle, in val Ceno. Finita la guerra , ha lavorato a Mantova nell’industria petrolifera Ozo , in laboratorio. In seguito è tornato a Parma per impiegarsi come capo impianto alla Carbolea a Baccanelli. Quando la ditta è fallita, ha aperto uno studio fotografico ed ha fatto il fotografo per dieci anni. E’ questa una sintesi veloce per arrivare alla sua ultima passione , quella di raccontare il paese e le persone che appaiono nitide o sbiadite nei ritratti di gruppo. Di ognuno ha scritto i nomi sul retro delle foto. Diventeranno così altri documenti storici.